Resta in contatto con Daily Milan

Ultime Notizie Milan

Milan, la storia di Giuseppe Meazza

Pubblicato

il

Giuseppe Meazza, storico ex attaccante di Milan, Inter e Juventus, è stato uno dei migliori centravanti della storia italiana…

Il solo fatto di aver dato il nome allo Stadio San Siro basterebbe a far capire la grandezza e lo spessore del giocatore di cui stiamo parlando. Giuseppe Meazza, classe 1910, è stato semplicemente uno degli attaccanti più forti di tutti i tempi della storia calcistica del Belpaese.

La sua carriera, trascorsa con le maglie di Milan, Inter, Juventus, Varese ed Atalanta, gli è valso un riconoscimento prestigioso: il suo nome per lo stadio in cui ha giocato (tanto) e segnato (tantissimo).

Meazza, nato a Milano il 23 agosto 1910, era per tutti Peppino o Peppìn, soprannome che si portava dietro fin da bambino del quartiere popolare di Porta Vittoria. Migliore marcatore della storia dell’Inter con 286 reti e secondo con la maglia della Nazionale (33), con la quale vinse anche due Mondiali. Ma per nostra fortuna, Peppìn legò il suo nome anche a quello glorioso del Milan

Giuseppe Meazza: storia di successi anche nel Diavolo

Milan, la storia di Giuseppe Meazza

LEGGI ANCHE Milan, sfida al Barcellona per Martinelli

Giuseppe Meazza ha legato profondamente il suo nome alla città di Milano, e non solo per aver dato il suo nome all’impianto di San Siro. L’attaccante classe 1910 infatti lasciò il suo segno (ed i suoi gol) soprattutto con la maglia dell’Inter, ma riuscì a togliersi delle soddisfazioni anche con quella del Milan.

In rossonero Peppìn giocò 42 partite in due stagioni, con 11 gol a referto.

Dopo aver militato nelle due squadre meneghine, nella Juventus, nel Varese (nel cosiddetto campionato di guerra) e Atalanta, Meazza divenne giornalista ed allenatore, guidando Inter, Atalanta, Pro Patria e Besiktas.

Scomparve il 21 agosto del 1979, e nel marzo successivo gli venne intitolato lo stadio della sua città.  Ci sarebbero tante descrizioni da fare sul modo e sullo stile di gioco di uno degli attaccanti più forti della storia italiana. Ma preferiamo farlo con le parole di un gigante della storia del giornalismo del Belpaese: Gianni Brera.

«Grandi giocatori esistevano già al mondo, magari più tosti e continui di lui, però non pareva a noi che si potesse andar oltre le sue invenzioni improvvise, gli scatti geniali, i dribbling perentori e tuttavia mai irridenti, le fughe solitarie verso la sua smarrita vittima di sempre, il portiere avversario…»

 

Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copyright © Daily Milan 2020-2022 | Testata giornalistica | Aut. Tribunale di Biella n° 575 del 31 luglio 2012 | Direttore Editoriale: Luca Rosia