Milan, Noah Okafor: c’è ancora da migliorare. E il saluto a Pioli